Strada di scorrimento - Costi abnormi

Il Polo per Misano invece ritiene che il costo sia molto minore ( paragonato con opere simili negli altri comuni ) e che semmai occorreva una diversa programmazione delle grandi opere previste, mettendo al primo posto questa strada oltre al sottopasso adiacente in Via Repubblica. Con i 3 miliardi di lire che il Comune ha speso nel nuovo Lungomare si poteva costruire la nuova arteria (la cifra è con ogni probabilità sufficiente), mentre l'arredo a mare si poteva mettere a carico dei privati che costruiranno nelle ex colonie Telecom (i notevoli guadagni derivanti dall'imponente operazione edilizia potrebbero coprirne forse interamente i costi). Questa infinita telenovela continua, sulle spalle dei cittadini e di quei poveri malcapitati che transitano per Misano!

Finalmente, dopo anni di pene, il 10 agosto 2005 vengono inaugurati i 1300 metri mancanti, che secondo l'Amministrazione hanno comportato un costo di 2,5 milioni di euro, compresa la rotonda di raccordo a Portoverde e due marciapiedi/pista ciclabile. Manca però una bretella di collegamento con la zona a mare che, con relativo rondò, oltretutto servirebbe come elemento di interruzione ad un rettilineo di quasi un chilometro e che rappresenta un invito a nozze per il brivido della velocità. Si spera che non accada nulla di grave, ma il timore è tanto. Anche questa opera poteva essere addebitata ai privati interessati, ma ancora una volta (perchè prima o poi dovrà essere eseguita) a pagare saranno i cittadini a causa di una politica schizofrenica che non si preoccupa degli interessi di tutti.