«Sono io la vera sinistra»

- Silvio Berlusconi torna ad attaccare la maggioranza: «La sinistra non ha vinto le elezioni ma le ha taroccate. Continuo a sperare che imploda, stanno azzerando tutto il buon lavoro che abbiamo fatto in cinque anni. L’Italia tornerà a essere governata dal fronte liberale e da un uomo di sinistra come me: è un paradosso ma è vero visto che l'unica politica sociale di sinistra l'abbiamo fatta noi». Il Giornale, giovedì 25 gennaio 2007

Dopo la nuova grande vittoria dell'aprile 2008 rincara la dose e, forte dei primi provvedimenti adottati dal suo governo, il 25 luglio afferma: < Noi vogliamo una economia sociale di mercato. Una democrazia non può permettersi cittadini in condizioni di miseria. Con il libro verde sul welfare approfondiamo i bisogni delle famiglie più deboli. E' una politica decisamente di sinistra. Questo Governo che è di centro, liberale, con cattolici e riformisti, intende procedere con una politica che la sinistra promette solo a parole. > Infatti i primi provvedimenti, abolizione dell'ICI sulla prima casa e la detassazione degli straordinari, vanno proprio in questa direzione.  

Qualcuno nel centrodestra ha storto un po' la bocca a queste dichiarazioni, ma io penso che il Cavaliere abbia ancora una volta ragione. In una Italia, dove la sinistra è sempre pronta a dire che vuole difendere i lavoratori e le fasce più deboli e poi mette tasse che colpiscono proprio queste categorie, tutto sembra rovesciato. E così il vero riformismo ed i veri aiuti alle classi disagiate vengono da Berlusconi e dal grande movimento da lui creato, mentre i veri conservatori ed i centri di potere stanno a sinistra.