Il vero racconto politico - Il fasciocomunismo

Fini fonda Futuro e Libertà, primo Presidente della Camera che opera simile azione! Unisce i suoi voti a quelli della sinistra e chiede la sfiducia del Governo Berlusconi! Per due soli voti il 14 dicembre 2010 l'agguato fallisce, ma ormai i numeri per governare sono stretti e la crisi economica avanza con prepotenza. Ma i metodi inquisitori di fascisti e comunisti non si fermano davanti a niente: la magistratura mette in piedi una incredibile catena di intercettazioni sulle feste nella villa di Silvio, frequentata da belle ragazze, ed ai fasciocomunisti non par vero di cavalcare questa nuova opportunità per dare il colpo definitivo all'odiato Nemico. Questa cosa fà ancora presa in un'Italia ipocrita che predica la libertà sessuale e si scandalizza per presunte avventure sessuali del Primo Ministro. Così dove non ci sono riusciti con le procure ce la fanno con la gnocca, altrochè la crisi! Il Cavaliere scende di cavallo e l'8 novembre 2011 deve passare la palla a Mario Monti. Il motivo scatenante e stata la sua indomita passione per l’altra metà del cielo, anche se questa è viva sin dalla notte dei tempi. In nome di chissà quale dogma i bacchettoni  cattolici sono scesi in campo, Cardinale Bagnasco in testa, assieme ai moderni  farisei ed ai falsi puritani della sinistra. Dicevano che quando il Distruttore dell’Italia si dimetterà ci sarà un effetto positivo sulle Borse, invece sono brutalmente crollate.  Ora si apre una fase di incertezza che può avere gravi conseguenza per l’Italia e gli italiani, anche per chi ha sempre odiato Berlusconi e gli ha rovesciato addosso fango ed insulti.