Notizie

Elezioni regionali: in Emilia-Romagna la vittoria di Pirro del PD e la disfatta del Movimento 5 stelle.

 La "terra rossa" per eccellenza non è più rossa, il blu/verde è il colore predominante ma governa ancora il Centrosinistra (così come nell'Italia). Il presidente uscente Bonaccini si riconferma grazie alle sardine (da lui stesso ringraziate) ed al ritorno a casa di tanti ex elettori pentastellati. La Lega ed il Centrodestra trionfano nei piccoli comuni e nelle periferie. Il  Pd ed il Centrosinistra invece nelle città, confermandosi così il partito delle elite.

La Calabria invece torna nettamente al Centrodestra ed il M5stelle non elegge neanche un consigliere dopo avere avuto anche il 40%! 

 

 

Leggi tutto...

Notizie locali

 

 

 

 

 

 

Metromare. Il sindaco Piccioni ottimista: discutiamo il
prolungamento

Questa opera sarebbe utile per Misano solo se il progetto contribuisce a snellire il traffico,

già piuttosto caotico.

Ma temo che possa essere il contrario. 


newsrimini.it 2019/11/27


Oltre alle polemiche sulla tratta già avviata (vedi notizia), continua a tenere banco anche
la discussione sul prolungamento del MetroMare verso Misano e Cattolica.
I due sindaci, Fabrizio Piccioni e Mariano Gennari, sono uniti nel chiederlo anche sulla
scorta delle sollecitazioni da parte delle categorie. Il progetto, previsto da un accordo del
2008, vede però Riccione mettersi di traverso.

Il sindaco Piccioni, a Tempo Reale, spiega che il prolungamento sarebbe di interesse
anche per la Perla Verde visto che collegherebbe le attività della zona sud per arrivare
poi a Misano e fermarsi in zona Le Navi a Cattolica. “L’importante è procedere senza
interruzioni – dice – ma sul mezzo, la corsia, il tracciato si può discutere. Le ipotesi sono tutte
aperte. L’importante è che sia un collegamento veloce e con tempi certi di percorrenza.”
Ma il sindaco Renata Tosi non ci sta. “Misano e Cattolica hanno un accordo firmato nel
2008 – ricorda – e quindi devono proseguire con la stessa soluzione progettuale e sventrare le
loro città come accaduto a Riccione. In questo caso, potrei anche sedermi ad un tavolo a
discutere.” “Hanno cambiato idea – aggiunge – solo perché hanno capito che il progetto che
ha rovinato Riccione non era perseguibile. Ma quando lo dicevamo noi, loro al tavolo
votavano contro.”

 
Leggi tutto...

Il Senato dice addio a se stesso

   Così intitola il Corriere della Sera la trasformazione del Senato approvata con soli 183 voti a fronte dei 226 che teoricamente conta la "maggioranza allargata". Praticamente, dopo millenni di onorata attività, la Camera Alta è stata declassata e privata della sua importanza, al contrario di quanto avviene in tutte le democrazie del mondo. La rivoluzione alla rovescio di Matteo Renzi porterà risparmi irrisori e probabilmente maggiore confusione e minore efficienza. La divisione di compiti delle due camere è sacrosanta ma ancor di più lo è la drastica riduzione dei parlamentari e dei loro stipendi e privilegi, così come i dipendenti ed i manager pubblici. Il Senato avrebbe dovuto restare "il consiglio superiore dello Stato e delle sue istituzioni. Una riforma magnifica, all'altezza della nostra storia e dei nostri tempi", così scrisse Marcello Veneziani, ed eletto direttamente da chi detiene la sovranità in un Paese democratico: il popolo. La dichiarazione di voto di Augusto Minzolini, in dissenso da Forza Italia, è stata di altissimo spessore civile e morale. La sottoscrivo parola per parola.

Leggi tutto...

Ha fallito l'Italia (e gli italiani), non Berlusconi

In questi vent’anni non ha fallito Berlusconi ma l’Italia tutta, che non ha voluto credere alle sue proposte che poi sono di tutti: non si possono tagliare le tasse se non si riduce drasticamente la spesa pubblica e per fare questo occorre un governo che possa operare senza impedimenti giudiziari e senza mal di pancia della maggioranza, ma per fare lavorare bene e velocemente il governo occorre anche snellire le istituzioni.

Leggi tutto...

I giudici non possono arrestare il popolo!


Magistratura antidemocratica

Se il pm ostenta in ufficio il suo odio per il Cavaliere

Tra le mura della procura di Roma trova spazio la satira a senso unico. Il giudice De Santis tiene sulla parete due vignette contro Berlusconi. La dimostrazione che il terzo potere sconfina nella battaglia politica

 
Leggi tutto...

la magistratura è l'unico potere davvero forte esistente in Italia

Il dovere della pulizia

Se la giustizia vuole tornare a godere della fiducia dei cittadini, si faccia chiarezza sul comportamento di Esposito

Vittorio Feltri - Gio, 08/08/2013 - 17:12

Come ha ben scritto Angelo Panebianco nel suo editoriale sul Corriere della Sera alcuni giorni fa, la magistratura è l'unico potere davvero forte esistente in Italia. Le cosiddette toghe sono spesso in contrasto fra loro, ma basta un urlo nella foresta a richiamarle all'ordine, cioè a ricompattarle in difesa della categoria eventualmente minacciata.

Leggi tutto...

Silvio condannato per far cadere il governo Letta

Pdl in piazza, il Cav non molla: "Noi argine contro il regime"

Pdl in piazza dopo l'ultimo assalto della Cassazione. Berlusconi assicura: "Il governo deve andare avanti". Poi avverte: "La sovranità non appartiene ai giudici"

Andrea Indini - Lun, 05/08/2013 - 10:49

In piazza per difendere la democrazia. Da via del Plebiscito il popolo del centrodestra lancia un messaggio di libertà al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano che non ha mosso un dito dopo che dai giudici della Cassazione è arrivato il più duro attacco di una campagna giudiziaria che va avanti da oltre vent'anni.

 

Leggi tutto...

Corruzione e Costituzione

Andrea Muccioli

In questi giorni sta circolando una petizione contro la corruzione. Secondo me una simile petizione è inutile, la corruzione è un male da combattere ma che non potrà mai essere debellato. D'altronde non esiste solo in Italia ma in tutto il mondo,sempre è esistita e sempre esisterà. L'unica azione possibile è quella di contenerla il più possibile e una petizione non serve. A mio parere è molto più importante tagliare drasticamente i costi della politica, meno c'è a disposizione e meno è appetibile. Occorre: dimezzare parlamentari e consiglieri regionali (meno sono e più diminuisce in percentuale la corruzione), un tetto a tutti gli stipendi pubblici (10.000 euro lordi), semplificare le leggi ed il funzionamento delle istituzioni (ci sarebbero meno pieghe in cui possano infilarsi i corruttori), diminuire drasticamente le tasse (ci sarebbe meno voglia di trovare altre strade di guadagno facile). Tutte cose che voleva fare Silvio Berlusconi sin dalla sua "discesa in campo", ma ,,,

Leggi tutto...

Quelli che giustificano l'odio e le pallottole

Il comico condanna la violenza, ma nel movimento c'è chi "simpatizza" col gesto estremo. L'ideologo Becchi: "Gli spari fanno comodo". La deputata Castelli: "Colpa degli inciuci di Palazzo". E Bertola: "Gli italiani pensano: peccato non abbia preso un politico"

C'è sempre qualcuno che alza i toni. C'è sempre qualcuno che giustifica. C'è sempre qualcuno pronto a puntare il dito contro l'odiatissima Casta. Poi arrivano le pallottole.

Leggi tutto...

Benvenuti nella Prima repubblica!

Porco boia cosa ho fatto! Era meglio se la davo a Renzi questa patata bollente!

Bersani ed il Partito Democratico se ne infischiano dei problemi degli italiani e giocano irresponsabilmente al toto-poltrone, peggio dei protagonisti della cosiddetta Prima Repubblica, altrochè seconda o terza come qualcuno auspicava!                   

 

Leggi tutto...

Povero Paese

"Povero paese", dove sembra che stiano avanzando i nuovi nazisti che vogliono cacciare via tutti, il Papa, la destra, la sinistra,ecc. Ciò che disse Hitler nel'32 sono le stesse cose che  dicono oggi Grillo ed i grillini. Sono soltanto capaci di offendere e non hanno progetti veri per il bene del Paese. Sembrano in tante cose uguali al Partito Democratico(?), che tanto criticano, ma stiano attenti a lodare troppo l'operato della magistratura, che è il vero potere assoluto italiano e che colpisce non solo Berlusconi ma tutti quanti si pongono sulla loro strada. Colpiranno anche loro se diverranno pericolosi per il loro progetto. Stiano attenti ma stiamo attenti tutti noi!

Meditate gente

" Abbiamo una nazione economicamente distrutta, gli agricoltori rovinati, la classe media in ginocchio, le finanze agli sgoccioli, milioni di disoccupati....sono loro i responsabili!
Io vengo confuso....oggi sono socialista, domani comunista, poi sindacalista, loro ci confondono, pensano che siamo come loro. Noi non siamo come loro! Loro sono morti, e vogliamo vederli tutti nella tomba! Io vedo questa sufficienza borghese nel giudicare il nostro movimento....mi hanno proposto un'alleanza. Così ragionano! Ancora non hanno capito di avere a che fare con un movimento completamente differente da un partito politico...noi resisteremo a qualsiasi pressione che ci venga fatta.
E' un movimento che non può essere fermato....non capiscono che questo movimento è tenuto insieme da una forza inarrestabile che non può essere distrutta....noi non siamo un partito, rappresentiamo l'intero popolo, un popolo nuovo..."
Adolf Hitler
(4 aprile 1932, un anno prima di diventare Cancelliere del Reich)

Leggi tutto...

Abbiamo pagato l'Imu a Monti per salvare la banca del Pd

A dicembre con i Monti bond il governo ha fatto all'istituto un prestito di 3,9 miliardi, la stessa cifra incassata con l'imposta sulla casa. E in un'altra inchiesta su Mussari spunta il nome della Severino

Le banche non sono enti di beneficenza, e su questo non abbiamo mai avuto dubbi. Ma che una di esse, il Monte dei Paschi di Siena, nel 2009, quando la crisi galoppava da almeno due anni a causa della famigerata bolla finanziaria (provocata, anzitutto negli Usa, dai cosiddetti titoli tossici), si sia imbottita di derivati, suscita qualche sospetto sulla salute mentale di chi condusse l'operazione.

 
Leggi tutto...

Monti? no, grazie

Sembra che lo vogliano tutti, dalla Germania ai banchieri fino ai benpensanti dei salotti miliardari. Piccolo particolare: l'80% degli elettori del Pdl non ne vogliono sentire neppure parlare, mentre la metà del popolo di sinistra sbava per lui. Un motivo ci sarà...

 Usciamo da metafore e tatticismi, altrimenti la gente non capisce più nulla. Monti non è e non può essere il candidato premier del popolo del centrodestra.
 
Leggi tutto...


Sottocategorie